Movimento Luce-Vita

movimento-luce-vita

DENOMINAZIONE UFFICIALE

Movimento Luce-Vita

 

SIGLA

RŚŻ (Ruch Światło-Życie)

 

DENOMINAZIONE CORRENTE

Luce e Vita

 

FONDAZIONE

1954

 

STORIA

Gli inizi di Luce e Vita risalgono agli anni Cinquanta, quando nella diocesi di Katowice, in Polonia, sotto la guida del padre Franciszek Blachnicki (1921-1987), si comincia a fare l’esperienza delle cosiddette Oasi, ritiri spirituali per adolescenti della durata di quindici giorni. Nel periodo che va dal 1963 al 1973 – nel quale Luce e Vita opera prevalentemente nell’ambito della formazione giovanile – il Movimento precisa la sua fisionomia individuando nell’attuazione del rinnovamento conciliare il proprio specifico campo di azione. Fondate sulla Parola di Dio e sulla liturgia, nascono così le idee forza Luce-Vita, uomo nuovo, comunità nuova, cultura nuova. A partire dagli anni Settanta la partecipazione ai ritiri spirituali, oltre agli adolescenti, comincia a coinvolgere anche studenti, lavoratori, sacerdoti, religiosi, seminaristi e, specialmente famiglie che, costituite in comunità, assumeranno il nome di Chiesa domestica. L’11 giugno 1973 l’allora Arcivescovo di Cracovia Karol Wojtyła, futuro papa Giovanni Paolo II, consacra all’Immacolata, Madre della Chiesa, il Movimento Luce-Vita, che in questa consacrazione riconosce l’atto della sua costituzione ufficiale.

 

IDENTITÀ

Luce e Vita si prefigge la crescita nella fede dei propri membri; l’edificazione della communio mediante evangelizzazione e formazione; lo sviluppo di opere tese a trasformare il mondo secondo lo spirito del Vangelo; la costruzione della parrocchia come “comunità di comunità”. Finalità, programma e metodo pedagogico del Movimento sono espressi e definiti dall’unità tra la luce data da Dio e l’agire, vale a dire dall’unità delle verità conosciute e, come tali, riconosciute, dichiarate e messe in pratica. Il processo formativo dei membri (deuterocatecumenato) è graduale e inizia con l’evangelizzazione individuale oppure con il ritiro di evangelizzazione o ritiro di base, che porta la persona ad accogliere Gesù Cristo come suo Signore e Salvatore (Oasi della vita nuova di I grado) e a entrare nel gruppo dei discepoli di Cristo. La prima tappa del deuterocatecumenato è scandita da dieci punti detti “Indicatori dell’Uomo nuovo” e prepara alla partecipazione alle Oasi di vita nuova di II grado. L’iniziazione liturgica avviata durante questi ritiri prosegue nella seconda tappa della formazione, significativamente caratterizzata dalla partecipazione al Triduo pasquale e dal rinnovamento dell’alleanza battesimale. La terza tappa – mistagogia – (Oasi di vita nuova di III grado), incentrata sull’approfondimento del significato dell’appartenenza al popolo di Dio, aiuta a scoprire il proprio posto nella Chiesa ponendosi al servizio delle diverse diaconie. Alla formazione concorrono inoltre il lavoro sistematico quotidiano (autoeducazione), incontri settimanali in piccoli gruppi guidati da un animatore e la partecipazione alle Giornate di comunione. La formazione degli sposi, il cui scopo è la reciproca santificazione e l’unità matrimoniale per realizzare un catecumenato in seno alla famiglia, è improntata alla spiritualità delle Équipes Notre-Dame (vedi pag. 130).

 

STRUTTURA

I membri di Luce e Vita si costituiscono in piccoli gruppi, formando delle comunità all’interno delle parrocchie. Responsabile del movimento è il Moderatore generale, figura che esiste anche a livello nazionale, diocesano e parrocchiale. Ogni moderatore esercita il proprio servizio coadiuvato da una diaconia, i cui membri possono essere sia laici sia religiosi. La responsabilità del ramo familiare è affidata, a tutti i livelli, a un moderatore affiancato da una coppia di sposi. I responsabili di Luce e Vita si riuniscono una volta all’anno nella Consulta nazionale dei responsabili, tempo forte di preghiera e di riflessione sui compiti del Movimento, alla luce del magistero della Chiesa e dei segni  dei tempi.

 

DIFFUSIONE

Non esistono statistiche precise circa il numero dei membri del Movimento. In Polonia si calcola che siano circa 100.000. Luce e Vita è presente in 17 Paesi così distribuiti: Europa (12), Nordamerica (2), Sudamerica (3).

 

OPERE

Dall’iniziativa di Luce e Vita sono nate la Crociata per la liberazione dell’uomo, opera a carattere sociale per la lotta all’alcolismo e ad altre forme di schiavitù dell’uomo moderno. Particolarmente impegnata nel servizio agli etilisti e alle loro famiglie è la Diaconia della liberazione, che organizza ritiri di evangelizzazione nel Centro preventivo- ormativo di Katowice. Negli ultimi anni si è sviluppato anche un servizio di aiuto alle persone che vivono  problematiche legate all’omosessualità. Un’altra iniziativa importanteè l’impegno a difesa dei bambini non nati nella quale è coinvolta soprattutto la Diaconia della vita, che a tale proposito organizza ritiri per giovani e adulti.

 

PUBBLICAZIONI

Oaza, rivista bimestrale; Eleuteria e Domowy Kościół, riviste trimestrali.

 

SITO INTERNET

http://www.oaza.pl

 

SEDE CENTRALE

Centrum Światło-Życie 

ul. Ks. Franciszka Blachnickiego 2

34-450 Krościenko - Polonia

Tel. [+48]18.2623235 - Fax 18.2625641

E-mail: KopiaGorka@oaza.org.pl

Eventi


© Copyright 2011-2015  Pontificio Consiglio per i Laici | Mappa del Sito | Link Utili | Contatti