Il logo del Congresso panafricano

logo-congresso-africa

«Un segno grandioso apparve nel cielo: una donna vestita di sole, con la luna sotto i suoi piedi e, sul capo, una corona di dodici stelle. […] Essa partorì un figlio maschio, destinato a governare tutte le nazioni» (Ap 12, 1.5a).

Un grande mosaico absidale accoglie i fedeli nella Cattedrale di Yaoundé, Nostra Signora delle Vittorie; opera di Padre Engelbert Mveng S.I., rappresenta la Donna dell’Apocalisse con suo Figlio. Abbiamo adottato questa immagine come logo del  Congresso panafricano dei laici cattolici “Essere testimoni di Gesù Cristo in Africa oggi. Sale della terra… luce del mondo”.

Vogliamo esprimere le ragioni della nostra scelta con le parole del Santo Padre, pronunciate durante il viaggio in Benin per la consegna dell’Esortazione apostolica postsinodale Africae munus: «In Maria abbiamo non soltanto un modello di perfezione, ma anche un aiuto per realizzare la comunione con Dio e con i nostri fratelli e le nostre sorelle. Madre di misericordia, ella è una guida sicura dei discepoli di suo Figlio che vogliono essere a servizio della giustizia, della riconciliazione e della pace. Ella ci indica, con semplicità e con cuore materno, l’unica Luce e l’unica Verità: suo Figlio, Cristo Gesù che conduce l’umanità verso la sua piena realizzazione nel Padre suo» (Benedetto XVI, Visita alla Cattedrale di Cotonou, 18 novembre 2011).

 

L’autore

Padre Engelbert Mveng (1930-1995), camerunense di Yaoundé, è uno dei primi Gesuiti africani. Vero figlio di sant’Ignazio e dell’Africa, è stato un grande studioso: si è occupato di storia, antropologia, teologia e archeologia. Molto impegnato sul fronte dell’inculturazione, è stato promotore di una rinascita africana, si è dimostrato un valido educatore, oltre che un artista capace di esprimere in immagini la spiritualità delle genti d’Africa. Ci ha lasciato un ricco patrimonio artistico e intellettuale.

Tag Cloud

© Copyright 2011-2015  Pontificio Consiglio per i Laici | Mappa del Sito | Link Utili | Contatti