Rio 2013: una Gmg missionaria nell'Anno della fede

Delegati1

Rocca di Papa, 30 marzo 2012 - Quella di Rio 2013 sarà la prima Giornata Mondiale della Gioventù in portoghese e segnerà anche, dopo 26 anni, il ritorno della Gmg in America Latina, dove vive il 44% dei cattolici del mondo. Nel corso dell'incontro organizzato dal Pontificio Consiglio per i Laici a Rocca di Papa per impostare il cammino dalla Gmg di Madrid a quella di Rio 2013, S.E. Mons. Orani João Tempesta, Arcivescovo di Rio de Janeiro, ha presentato ai responsabili della  pastorale giovanile di tutto il mondo la sua città, parlandone innanzitutto come di “una città d’incontro dove la fede ha uno spazio grande nel cuore delle persone”.

Tuttavia, “Rio de Janeiro non sarà più la stessa dopo la Gmg”. Sono grandi le attese con cui gli abitanti di Rio, e in generale di tutto il Brasile, stanno guardando alla prossima Giornata Mondiale della Gioventù, che dal 23 al 28 luglio 2013 si svolgerà nella città brasiliana. Nel presentare la Chiesa brasiliana, l'arcivescovo non ha nascosto che anche in Brasile si registra “una diminuzione dei cattolici”. “E questa diminuzione – ha spiegato - è dovuta sicuramente alla diminuzione delle nascite ma anche ad altri fattori come l'avvento di sempre nuove sette e il diffondersi di una mentalità secolarizzata e materialista frutto anche di una classe intellettuale che cerca di cancellare Dio dalla società e dalle coscienze”. “È un tempo quindi che richiede ai cattolici uno sforzo in più per approfondire la loro fede”. E in questo senso la Gmg di Rio è “in continuità con l'anno della fede indetto da Benedetto XVI per il prossimo anno”. Mons. Orani João Tempesta ha chiesto infine di pregare per la Gmg di Rio: nella cattedrale ogni secondo venerdì del mese si svolge già una veglia di preghiera dalle 22 alle 6 di mattina, lo stesso ha chiesto di fare ovunque nel mondo, perché la preghiera sia davvero il motore di questa Gmg.

La sessione, coordinata dal responsabile della Sezione Giovani del Pontificio Consiglio per i Laici, don Eric Jacquinet, è proseguita con l'intervento di S.E. Mons Eduardo Pinheiro da Silva, Presidente della Commissione episcopale per la Gioventù della Conferenza episcopale del Brasile che ha descritto l'organizzazione dell’ufficio da lui presieduto, il suo impegno per la Gmg e la rete delle relazioni e dei progetti in atto, rivolti in particolare alla missionarietà, tema della Gmg 2013: non solo il pellegrinaggio della Croce e dell'Icona di Maria, che si stanno svolgendo con grandi risultati, ma anche l'organizzazione di una settimana missionaria, la partecipazione alla preparazione spirituale di tutta l'America Latina attraverso il CELAM, l'animazione del Giorno nazionale della gioventù, che esiste in Brasile da vent'anni. I temi della preparazione spirituale alla Gmg sono poi stati approfonditi da Don Carlos Savio, della commissione Gioventù della Conferenza episcopale del Brasile, che ha parlato dei tre aspetti di questo cammino: la celebrazione, la formazione e l'azione sociale.

Nella sessione pomeridiana Mons. Joel Portella Amado, direttore esecutivo della Gmg, ha presentato ai partecipanti l'intero team del Comitato organizzatore locale e si sono affrontati i problemi organizzativi e pratici: dalla registrazione dei partecipanti ai visti di ingresso, dalla gestione dei pasti alla rete dei trasporti, dai rapporti internazionale ai problemi di sicurezza, tutti gli argomenti sono stati oggetto di approfondimento.

Nessuna Gmg può essere organizzata senza la collaborazione piena e consapevole della società civile: è stata perciò di grande importanza la presenza al convegno di Rocca di Papa di Sérgio Cabral Filho, governatore dello stato di Rio de Janeiro, e di Eduardo da Costa Paes, sindaco della città, accompagnati da S.E. Almir Franco De Sá Barbuda, Ambasciatore della Repubblica federale del Brasile presso la Santa Sede. La loro partecipazione in questa sede e il saluto tutt'altro che formale che hanno rivolto ai delegati provenienti da tutto il mondo segnalano bene la vocazione ai grandi eventi che Rio de Janeiro sta sviluppando, affrontando un'agenda fitta di appuntamenti che arriva alle Olimpiadi del 2016, agenda che vede comunque la Gmg del 2013 nelle prime posizioni per importanza e complessità.

Nella serata la delegazione brasiliana ha offerto una festa "carioca", un piccolo anticipo della gioia che attende i pellegrini a Rio il prossimo anno.

© Copyright 2011-2015  Conseil Pontifical pour les Laïcs | Plan du site | Liens | Contacts